Le poesie

POESIE SUL BANCO DI NAPOLI

Ci piace riportare due poesie dedicate al Banco di Napooli composte da Antonio Riggiero, valente poeta vernacolo oltre che dipendente del glorioso istituto. La prima dedicata a Nicola Miraglia, Direttore generale storico del Banco di Napoli, il cui busto marmoreo era nel salone antistante la sala delle assemblee sita al 2° piano di via Toledo a Napoli, l’altra scritta in occasione dell’occassione dell’acquisto da parte del Sanpaolo dio Torino del Banco di Napoli.

Antonio Ruggiero, nato a Napoli nel 1953, scrive da oltre 30 anni prediligendo il vernacolo napoletano. Nel 1991 ha pubblicato la sua prima raccolta di poesie napoletane dal titolo Napule sott’e’ncoppa con la prefazione di Roberto Murolo – edito da ” Riemma “. Nel 1993 ha pubblicato il poemetto Pruciesse ‘Nparaviso con la prefazione di Vittorio Paliotti – edita da ” Il Girasole “.  Nel 1998 ha pubblicato la raccolta di poesie napoletane Viche e Vicarielle con la prefazione di Renato De Falco – edito da ” Il Girasole “. Nel 2001 ha pubblicato la raccolta di poesie Cchiù a ssud d”o sud edita da ” Il Girasole “. Si è imposto quale vincitore e finalista in prestigiosi premi letterari . Ha pubblicato su Il Mattino, Il Giornale di Napoli e su altre testate. Ospite in manifestazioni di beneficenza e in trasmissioni televisive e radiofoniche. Attualmente incontra i ragazzi delle scuole per la conoscenza e la sopravvivenza del parlar napoletano. L’intento dell’autore è quello di dare agli amanti della poesia napoletana il piacere di scoprire cose che spesso sfuggono all’attenzione per le problematiche della vita quotidiana e per la diffusione e la sopravvivenza del parlar napoletano.

A NICOLA MIRAGLIA

Nu busto ‘e bronzo a ccentro d’’o salone,

‘e n’omme ‘mpapijonne e ffaccia austèra;

‘sti vierze so’ pe’ cchi nun sape bbuono

chello ca st’omme ha fatto e cchello ch’era.

Era ‘o prodotto ‘e n’ebbreca passata,

asprigno comm’’a terra d’’e lucane;

‘ncopp’ a nu piezz’’e marmo sta appujato,

‘nzegno ‘e ll’affetto ‘e nuje napulitane.

Nuje ca cient’anne fa rischiajeme gruosso,

‘e perdere pe’ ssempe orgoglio e gloria;

vinte meliune ‘a sotto,steve ‘nfuosso,

‘stu Banco nuosto ricco ‘e tanta storia.

‘Stu Banco addò mappate ‘e puverielle,

truvavano sustegne e ddignità,

ca già cient’anne primm’’e Masaniello,

sanava ‘e cchiaje cchiù ggrosse ‘e ‘sta città.

‘nzomma llà nce vuleva nu remmerio,

llà nce vuleva overo n’omme onesto;

Miraglia ‘mmiezz’ a ttante era ‘o cchiù sserio,

e ffuje nu ragg’’e sole ‘int’’a tempesta.

E ‘ncopp’’e ccarte soje,gnosta e ssurore,

quanno s’ausava penna e calamaje;

cu’’na passiona carreca d’ammore,

tanto facette ca ‘o resuscitaje.

Ogge ca tanti ccose so’ cagnate,

e ttanti ccose cagnarranno ancora;

nun se pò scancellà tutt’’o ppassato,

nun se pò scarpesà chi ha dato ‘o còre!

4/7/1999  ANTONIO  RUGGIERO

SO’ ARRIVATE ‘E PIEMONTESE

So’ arrivate ‘e piemontese,

sì, però senza cavalle;

so’ arrivate cu’ ll’ intesa,

‘e cuntarce quatte palle.

Chelli ppalle ca ‘na vòta,

fujeno sulo scard’’e vrite,

scamazzanno sott’’a rota

chella bbell’ Italia aunita.

Chillu suonno ‘e fratellanza,

nu miraggio, ‘na chimèra,

ca rignette e rregn’’a panza

a cchi azzuppa ‘e che mmanèra.

So’ arrivate ‘e piemontese,

so’ arrivate ‘e bbella posta;

ciente, mille mane stese,

‘ncopp’ a cchesta Banca nosta.*

E scusate si me ‘ncrippo,

si ve dico ‘a verità…

‘O ttabbacco ‘int’ a ‘na pippa,

sulo fummo nce pò ddà.

Sulo fummo, che squallore,

sott’ a cchistu cielo blu;

cinche secule ‘e splennore…

E ‘ntrasatto, niente cchiù.

                   26/9/2000  ANTONIO  RUGGIERO

*Banco di Napoli